carnevale-2020--dove-andare-in-Basilicata

Carnevale 2020, tra pochi giorni iniziano i tradizionali appuntamenti, scopri dove andare in Basilicata!

La parola “carnevale” deriverebbe dal latino carnem levare ovvero eliminare la carne e indicava il banchetto che si teneva l’ultimo giorno di Carnevale il martedì grasso, subito prima del periodo della Quaresima. Il carnevale è quindi una festa che si celebra nei Paesi di tradizione cristiana e in particolare in quelli di rito cattolico; i festeggiamenti si svolgono spesso all’ aperto ed hanno il caratteristico uso del mascheramento.

 

Il carnevale della Basilicata si rivive ogni anno in 4 comuni: Tricarico, San Mauro Forte, Satriano e Montescaglioso;

 

Contattaci per informazioni e pernotto al 3423887088

 

  • Tricarico: l’ antico rito di Sant’ Antonio Abate, il 17 Gennaio 2020

Protagoniste le maschere, con uomini e donne mascherati da mucche e tori a riprendere l’ antico rito della Transumanza. Tutto avrà inizio la notte tra il 16 e il 17 con l’accensione del falò, a notte ancora fonda la “mandria” sveglierà il paese addentrandosi nei vicoli del centro storico, per poi dirigersi verso la Chiesa di Sant’Antonio Abate.

Successivo alla sveglia, la mandria si radunerà presso il piazzale della chiesa, per assistere alla messa presieduta dal vescovo di Tricarico, Giovanni Intini. Alla conclusione della messa, dopo i tre giri della chiesa in onore del santo, le maschere si dirigeranno verso la piazza Garibaldi dove il dialogo-pantomima tra capomassaro e conte, concluderà la sfilata.

Per consultare il programma completo: Pro Loco Tricarico

 

  • San Mauro Forte: “Il campanaccio 2020” dal 15 al 19 gennaio 2020

La magia del suono che avvolge il borgo dona incanto all’ intero territorio. Il Campanaccio è un’ antica tradizione popolare che rende noto il culto della terra. I suonatori dei campanacci aprono la sfilata facendo tre giri intorno alla chiesa di San Rocco dove è custodita l’immagine di Sant’ Antonio Abate.

Per consultare il programma completo: San Mauro Forte

 

  • Satriano: “la foresta che cammina” il 22 e il 23 febbraio 2020

La maschera tipica è denominata Rumita cioè “eremita”: è un uomo ricoperto completamente di edera da essere irriconoscibile,  tiene tra le mani un bastone con al termine un ramo di pungitopo e l’ultima domenica prima del Martedì grasso; i Rumita escono dal bosco e girano tra le strade del paese bussando alle porte delle case: portano un buon auspicio per la primavera che sta arrivando e in cambio ricevono doni.

Per consultare il programma completo: La Foresta che cammina

 

Contattaci per informazioni e pernotto al 3423887088

 

 

Seguici su:

Facebook:  B&B Arcobaleno   Instagram: beb_arcobaleno

Comments are closed.