Il Museo diocesano a Potenza, tesori sacri di un ricco palazzo del 1616, che ospita i tesori dei maestri artigiani napoletani.

Il Museo diocesano a Potenza nasce alle spalle della Cattedrale dedicata a San Gerardo la Porta, patrono della città; accessibile dal piano terra dell’ex Seminario diocesano, l’edificio del Museo diocesano fu edificato nel 1616. Il palazzo fu danneggiato nel 1943 dai bombardamenti degli alleati che distrussero anche il Seminario, la Cattedrale e l’ Episcopio.

Subito dopo la guerra il Museo Diocesano e  gli altri edifici furono ricostruiti e i tesori sacri della Cattedrale furono conservati per la maggior parte nel Museo Diocesano di Potenza. Tutti gli arredi sacri custoditi come tesoro prezioso sono da considerarsi opere create e fortemente influenzate delle correnti artistiche partenopei, che nel rinascimento e nel barocco sono gli esempi più importanti e vicini da considerare nelle produzioni artistiche locali.

All’interno del Museo Diocesano interessante è il particolare di una croce astile del 1714, croce simile a quella dell’ altare ma in genere fissata ad un’asta decorata o dipinta alta circa due metri,  realizzata dall’ argentiere Giovanni Battista Buonacquisto è arricchita dalla figura di San Gerardo La Porta, protettore di Potenza.

Nella sezione dei dipinti vi è un quadro dedicato alla “Madonna che allatta il bambino” di scuola napoletana datata tra la fine del XVII secolo ed i primi del XVIII. La vergine nelle vesti di una giovane madre, posa lo sguardo sulla sua creatura che, come ogni bambino, ricerca voluttuosamente il seno materno. Inoltre è da segnalare i dipinti su tela e tavola dell’episcopio e dalla chiesa di San Francesco.

Altra sezione è dedicata ai libri sacri di particolare pregio come la Bibbia miniata del XV secolo, il Registro dei Battesimi, Cresime e dei Matrimoni della Parrocchia della Cattedrale risalenti al 1600.

 

      

 

Se volete visitare il Museo Diocesano a Potenza è situato in Via Vescovado ed aperto tutti i giorni: 10:00 – 13:00; 17:00 – 20:00

Seguici su Facebook: B&B Arcobaleno

Seguici su Instagram: beb_arcobaleno

Comments are closed.