Potenza-la-città-verticale

Potenza, la città verticale. Capoluogo da oltre 2 secoli è una città da scalare con le sui gradinate e scale mobili.

 

Una città di montagna che si eleva a capoluogo non solo come denominazione ma anche geograficamente; nei secoli i suoi abitanti hanno costruito tante scalinate e gradinate per accedere alla parte più alta e più antica della città, così le è stato attribuito il titolo di “Città Verticale”.

 

Foto: Basilicata Bella scoperta

 

Le gradinate

Le gradinate esistenti a Potenza sono state costruite intorno all’ 800 e consentivano al popolo di raggiungere il centro storico.

  1. Una gradinata ancora visibile in città è dedicata ad Antonio di Napoli, Medaglia d’ oro al valor civile morto sul fronte greco nel 1940.
  2. Gradinata Eligio Perucca professore di fisica e rettore al Politecnico di Torino dal 1947 al 1955 sorge tra gli uffici governativi all’ incrocio tra corso Garibaldi e via Marconi.
  3. Le Cento Scale che permettono di raggiungere Viale Dante, una lunga e larga strada con diversi affacci e belvederi; oggi la scalinata è luogo di un festival
  4. La gradinata del pensiero considerata una vera e propria opera in pieno centro storico affaccia da un lato su via del Popolo e dall’ altra su piazza Matteotti. La scalinata è sormontata da un arco che passa letteralmente al di sotto del palazzo.

 

 

 

 Scale Mobili Santa Lucia

In una città verticale non possono mancare le scale mobili, ovvero un sistema meccanizzato di 600 metri per risalire o scendere più facilmente le forti pendenze della montagna.

Vicino il B&B Arcobaleno si trovano le scale mobili più lunghe d’ Europa e collegano il rione Poggio tre galli al centro storico di Potenza, uscendo su Porta Salza.
Gli orario di apertura sono: orario invernale ore 7.00/22.00 – orario estivo: ore 7.00 /23.00

 

 

Comments are closed.